LA PIZZA FRITTA CANNETANA
La pizza fritta alla Cannetana
La pizza fritta è un prodotto alimentare tipico dell'alto Lazio, della Campania e della regione Reatina fino ad Amatrice.
Le pizze fritte laziali sono prodotte con pasta di pizza fritta sono riconosciute dalla regione Laziocome prodotto agroalimentare tradizionale .
Nascono come prodotto di recupero nell’economia familiare del passato, venivano preparate  con gli avanzi della lavorazione del pane fatto in casa e cucinate allo scopo di verificare il grado di lievitazione dell’impasto.
Durante la frittura, le pizze fritte tendono a gonfiarsi creando una parte interna vuota, che è ideale riempire con affettati come prosciuttosalame o lonza. Le pizze fritte meno  morbide e quelle più sottili venivano condite con zucchero o sale oggi si possono spalmare  con del cioccolato in crema.
 La ricetta delle pizze fritte
Ingredienti: farina, acqua, lievito (madre o fresco) e sale.
Per friggere è necessario dell’olio extravergine di oliva meglio se Dop è necessario che l’olio sia di un fruttato leggero che non copra il sapore degli altri ingredienti pizza. Una bella padella, abbondante olio extravergine di oliva e  temperatura costante a 170-180 gradi. Si calcoli, comunque, 1800-1900 grammi di farina per litro d’acqua Si calcolino 55 grammi di sale per litro d’acqua. L’ideale sarebbe il lievito madre se non disponibile utilizzeremo il lievito fresco ricordando che durante le giornate fredde impiegheremo più lievito e durante quelle calde un po’ meno e che è preferibile  una lunga lievitazione
 
La preparazione  delle "pizze fritte alla Cannetana" è piuttosto semplice. Prepariamo  un impasto come quello per la pizza classica e lasciamolo crescere, più la lievitazione è lunga migliore è il risultato che si ottiene. Le nostre “pizzette”,che potrete gustare durante la sagra che si svolge l’ultimo sabato e domenica del mese di luglio  sono di  circa 25/30 cm diametro (la ns padella è di 130 cm di diametro) e vengono fritte in abbondante olio extravergine di oliva. Importante, l'olio deve essere tanto che  le pizze possano "nuotare nell'olio bollente (nel ns. caso tra i 20 e i 25 litri). La cottura deve essere molto rapida, il colore giusto deve essere di un bel giallo dorato con i bordi leggermente più scuri.
Un piccolo trucco per friggere più velocemente la pizzetta, è quello di versare con un cucchiaio dell’olio bollente nel centro della pizza. 
La pizza, appena introdotta nell’olio tende a gonfiarsi,sarà allora il momento di utilizzare  una forchetta per bucarla allo scopo di  far uscire l’aria dalla bolla.
Si consiglia di mangiarle ben  calde.
 
Questa è la ricetta tradizionale delle "pizze fritte alla Cannetana", va detto pero’ che ogni paese, famiglia ha una propria ricetta per arricchire di sapore le proprie pizzette. In Campania si è soliti condirle con salsa di pomodoro, aglio ed origano,oppure con una salsa di solo pomodoro ed una spruzzata di parmigiano. Possono anche essere farcite con piccoli ripieni,(ricotta, mozzarella, salame, olive e capperi) o cosparse   di menta, di una salsa al basilico, alle alici…..  
 
 
 
Tutti i diritti sono riservati © 2006 Associazione Pro Canneto